• 25 Gennaio 2021

Le parole di mister Carlo Prelli dopo la sfida all'HSL Derthona e prima di quella con l'Arconatese

Turno infrasettimanale per il Borgosesia che mercoledì 27 gennaio affronterà nel recupero l’Arconatese.

Analizziamo la situazione con le parole di mister Carlo Prelli.

Partiamo dal commentare la partita con l’HSL Derthona

Penso che sia una gara molto semplice da commentare.

Abbiamo fatto un primo tempo timorosi concedendo spesso l'iniziativa all’HSL Derthona. Preso due gol il primo bravo Gueye ma ci siamo fatti saltare in 3 difensori troppo facilmente e il secondo gol che poteva chiudere la partita perché abbiamo perso ancora una volta una marcatura. È inutile nascondersi dietro a un dito concediamo troppo facilmente gol agli avversari, mentre poi è difficile farli. Nonostante tutto questo prima della fine del primo tempo prendiamo una traversa e facciamo gol con Bramante e riapriamo ancora la partita.

Ci risistemiamo tra il primo e il secondo tempo ma dobbiamo solo applaudire al gol in rovesciata dell’HSL Derthona. Finita per me no. Ed anche per i ragazzi ma l'espulsione di Cortinovis ci complica ancora le cose e mancano 30 minuti alla fine. Proviamo a compattarci con un 4-4-1 e ci mettiamo tutto quello che abbiamo soffrendo ma credendoci e rischiando in alcune occasioni ma ci sta perché se vogliamo riaprire ancora la partita dobbiamo sbilanciarci. Peccato che il 3 a 2 di Aloia sia arrivato alla fine e anche la parità numerica. Detto questo nulla toglie all’HSL Derthona ma ci abbiano provato fino alla fine nonostante le difficoltà.

Terzo ko come sta la squadra moralmente?

Se guardiamo il nostro ruolino delle ultime partite non possiamo sicuramente essere tranquilli e nemmeno contenti. Ma il messaggio che voglio far passare è che siamo consapevoli che non vogliamo e non dobbiamo mollare. Abbiamo le armi per rimetterci in gioco e le useremo per combattere da qui fino alla fine.

Su cosa ripartire?

Ripartiamo da noi, solo noi siamo i padroni del nostro destino. Ci sono gli allenamenti, ci sono le partite abbiamo questi mezzi per uscirne. Testa bassa, lavoro, gruppo, sacrificio e corsa e tanto tanto coraggio e tanta umiltà. Poi ne riparleremo alla fine del risultato.

Importante pensare alla prossima sfida

E’ un periodo dove giocando ogni 3 giorni, faremo un mese così se va bene, non c'è nemmeno il tempo di fermarsi perché dobbiamo già preparare la partita successiva. Ma è così e la prendiamo come una continua sfida. Sappiamo che dobbiamo portare a casa punti e non devo stare qui a dire che scendiamo in campo con altri obbiettivi. Andiamo sempre in campo per portare a casa punti. Quindi stringiamoci forte attorno a questi ragazzi e lavoriamo per raggiungere il nostro obbiettivo.